La Villa e la grotta di Tiberio

La Villa e la grotta di Tiberio

La residenza imperiale – di cui rimangono a Sperlonga ancora cospicui resti – si sviluppava per oltre trecento metri di lunghezza lungo la spiaggia di levante e comprendeva, oltre ai quartieri di servizio e quelli più propriamente abitativi, un impianto termale, manufatti per le riserve d’acqua e un attracco privato. In epoca augustea, in occasione di un grande intervento di ristrutturazione, la cavità, in parte lasciata naturale in parte rettificata – accolse una piscina circolare collegata ad altre esterne di varia forma, destinate all’itticoltura pregiata. Al centro della vasca rettangolare esterna doveva sorgere il triclinio imperiale. L’interno dell’antro venne decorato con grande profuzione di marmi e di mosaici in tessere di vetro, e arredato con i monumentali gruppi scultorei ispirati alle imprese di Ulisse. Tiberio, succeduto ad augusto nel 14 d. C., utilizzò la residenza fino al 26 d.C. quando una frana che mise a repentaglio la sua vita lo indusse a scegliere l’isola di Capri.

Museo Archeologico Nazionale di Sperlonga e Villa di Tiberio

Notizie utili

Via Flacca, km 16.300 – 04029 Sperlonga (Lt)
Tel.: (+39) 0771 548028
Fax: (+39) 0771 548028
e-mail: sar-laz.sperlonga@beniculturali.it

Direttore: il Soprintendente Dott.ssa Elena Calandra
Orario di visita: ore 8.30-19.30
Chiusura: 1° gennaio, 1°maggio, 25 dicembre

Eventuali aperture straordinarie saranno comunicate sul sito internet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (www.beniculturali.it)

Biglietto intero € 5,00, ridotto € 2,50, fatte salve le agevolazioni previste dal regolamento di ingresso ai luoghi della cultura italiani, consultabili nel sito web del MiBACT.
Apertura gratis la prima domenica del mese.